Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

W la vita - Concerto con Maurizio Mastrini

Data:

25/01/2018


W la vita - Concerto con Maurizio Mastrini

Maurizio Mastrini suona le sue composizioni dell’album W la vita.
Affermato internazionalmente, il pianista Mastrini offre grazie alla sua eccellente tecnica e creatività, un nuovo suono ai classici e trasmette un particolare carico di emozioni nelle sue composizioni ispirate tra l'altro dalla leggerezza, serenità e malinconia cubane.

L'ultimo lavoro intitolato W la Vita è un viaggio completo nelle emozioni che la vita ci regala, un vortice di sensazioni, pennellate sonore, profumi inebrianti che smuovono l'anima delle persone. Ma questo disco è anche un viaggio nell'isola di Cuba e in esso si respira quel senso di leggerezza, di serenità, ma anche di malinconia proprio della gente dell'isola e tipico del brano che dà il titolo all'intera raccolta: W la Vita, un inno al saper vivere.

Maurizio Mastrini è considerato dalla critica uno dei maggiori pianisti incontaminati del panorama musicale e strumentale internazionale. La sua vita creativa musicale la esprime nel suo eremo in Umbria lontano dal vortice della vita quotidiana. Ciò lo rende incontaminato nelle sue creazioni e carico di emozioni che trasmette con le sue composizioni.
Le sue opere sono un anello di congiunzione tra i canoni classici della musica e la nuova musica classica contemporanea, attraverso uno studio di ricerca colto ed emozionale.
Molte composizioni sono minimaliste, altre hanno una concezione matematica, altre invece presentano una tale abbondanza di suoni da far pensare ad un'orchestra.
Mastrini, la cui storia di vita è molto singolare, inizia a muovere i primi passi come percussionista nell'officina del papà fabbro, costruendo e suonando rudimentali batterie con i fusti di vernice vuoti. Considerato dagli esperti un "enfant prodige", da quel momento inizia un percorso musicale pianistico estremamente veloce che lo porta ben presto a calcare i palchi di importanti teatri italiani con il suo pianoforte. Allievo, tra l'altro, del M° Vincenzo Vitale, Mastrini vive una brillantissima carriera pianistica e musicale fino agli anni 2000 quando, per cause legate alla crisi che attanaglia l'arte in Italia, decide di lasciare il mondo concertistico per dedicarsi a tutt'altra attività. Diventa infatti manager di una società di comunicazione e di produzione video e musicale.
Nel 2009 grazie ad un sogno riprende a suonare o meglio a sperimentare nuove frontiere: da lì la "Musica al Contrario", cioè lettura degli spartiti partendo dall'ultima nota e risalendo il pentagramma fino alla prima.
Dalla ripresa dell'attività ad oggi Mastrini ha tenuto oltre 480 concerti in tutto il mondo, le maggiori testate giornalistiche e televisive si sono occupate di lui. Otto sono i dischi di sue composizioni prodotti e distribuiti in tutto il mondo.

* * * 

Maurizio Mastrini offre un approccio creativo al pianoforte. La sua tecnica è ammirevole. Dai passaggi morbidi e delicati alle melodie e armonie forti e magistrali, la padronanza di Maurizio sul piano mi ha catturato subito. Il suo ultimo lavoro "TERRA!" è un viaggio musicale che lascia l'ascoltatore ammaliato. Il disco ha dinamiche intense che sono sincere e mozzafiato. Sarà senza dubbio uno dei più ammirati e ricercati artisti del nostro tempo. (Anthony Ruotolo Ingegnere del suono degli Avatar Studios di New York)

Mastrini ha confermato di saper toccare come pochi le corde del cuore caratteristica che lo eleva a grande della musica ben più del look originale o della fama di pianista eremita o di artista capace di suonare i grandi della musica classica al contrario. Per alcuni un visionario, per altri un genio assoluto sicuramente un artista dotato di una tecnica eccelsa in grado di interpretare i classici con originalità e allo stesso tempo di sorprendere con composizioni, alcune complesse altre fatte di pochissime note ripetute quasi in loop perché come ama ripetere Mastrini “anche poche note possono far emozionare e piangere.... (Antonio Coronato Tg2 RAI, 18.8.2013)

Informazioni

Data: Gio 25 Gen 2018

Orario: Alle 18:30

Organizzato da : IIC Oslo

Ingresso : Libero


Luogo:

IIC Oslo, Oscarsgt. 56

661