Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Festival Verdi all'IIC: "Aida"

Data:

08/05/2018


Festival Verdi all'IIC:

Alla quarta puntata del roadshow del Festival Verdi ad Oslo, c'è in programma una delle opere liriche più famose del mondo: Aida, l'unica opera che Verdi, essendo stata una commissione del Vice Re dell'Egitto, scrisse per un teatro non-europeo. Nonostante la trama si svolga in Egitto nel secolo XX A.C, Verdi mette con quest'opera sotto accusa il nazionalismo e l'imperialismo del suo tempo.  

Registrazione dvd dello spettacolo realizzato dal Teatro Regio di Parma nel 2005.

Per i parmigiani, verdiani per diritto di nascita e per vocazione, Aida costituisce l'opera lirica per eccellenza, per la sua bellezza e importanza, rivestendo quest’opera un ruolo, e ricoprendo una posizione, del tutto particolari nell’immaginario pantheon della passione lirica. Ed in effetti Aida, l’opera della marcia trionfale, ma anche della più delicata introspezione psicologica, l’opera degli empiti guerreschi ma anche dell’amore, coniugato in diverse declinazioni, contrapposte a volte, fuse in altre, è opera dalle molte facce, ricca come poche altre, e non solo di Verdi, di suggestione, di forza, di senso musicale. Un’opera nella quale la presenza di uno dei momenti più proverbialmente celebri di tutta la storia dell’opera lirica, la “marcia trionfale”, ha fatto spostare l’attenzione degli appassionati sul versante “grandioso” di una partitura assolutamente moderna, nella quale Verdi sparge a piene mani miracoli di finezza dando particolare peso e attenzione al rapporto tra i personaggi e al loro tratteggio psicologico. «A parte la scena del trionfo - dichiara a questo proposito Bruno Bartoletti - Aida mi è sempre parsa un’opera di grande raccoglimento e di profondo intimismo. Lo dimostrano molto bene l’introduzione del terzo e del quarto atto, lo stesso finale. In fondo è come se Aida fosse un’opera da camera: e si capisce bene già da quello che accade in orchestra. Verdi ha saputo dire qualcosa di nuovo e con esiti eccezionali».

* * * 

Nel cast specialisti verdiani quali: Maria Guleghina e Daniela Dessì, Luciana D’Intino, Fabio Armiliato, Juan Pons
Guida musicale: Bruno Bartoletti,
Regia: Franconi Lee realizza lo spettacolo ideato da Alberto Fassini con scene e costumi di Mauro Carosi.

Informazioni

Data: Mar 8 Mag 2018

Orario: Alle 11:13

Organizzato da : IIC Oslo

In collaborazione con : Teatro Regio di Parma; Festival Verdi

Ingresso : Libero


Luogo:

IIC Oslo, Oscarsgt. 56

673