Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Toni Germani Trio - Un Canzoniere Italiano - Jazz all'IIC

Data:

11/09/2019


Toni Germani Trio - Un Canzoniere Italiano - Jazz all'IIC

Ad aprire l'edizione autunnale del Salotto Jazz all'IIC, sarà il Trio Toni Germani, con il bandleader e compositore Germani stesso al sassofono, Paolo Tombolesi al pianoforte e Massimo Carrano alle percussioni.

In programma questa sera, una scelta di canzoni dal repertorio di alcuni tra i più importanti cantautori italiani della II metà del ‘900, proposte e interpretate con qualche fedeltà e qualche licenza:

Un Canzoniere Italiano

Quanno chiove (Pino Daniele)
Rimmel (Francesco De Gregori)
Mi sono innamorato di te (Luigi Tenco)
Il Suonatore Jones (Fabrizio De Andrè)
La Stagione dell’Amore (Franco Battiato)
Emozioni (Lucio Battisti)
Mio Fratello che guardi il Mondo (Ivano Fossati)
Quando (Pino Daniele)
Caruso (Lucio Dalla)
Radici (Francesco Guccini)

Potete ascoltare un brano qui

 * * *

Sassofonista, clarinettista, compositore, cantante quando è necessario. Nato a Roma, Toni Germani ha suonato e collaborato con musicisti di varia fama e provenienza (dal compositore e pianista romano Fabrizio De Rossi Re al cantante pakistano Ustad Fateh Alì Khan, dal pianista siciliano Andrea Alberti al batterista afroamericano Billy Higgins); ha suonato e registrato bene o male quasi ogni genere di musica (dalla musica popolare italiana alla musica cubana alla musica contemporanea); ha partecipato a festival internazionali, in Italia e all’estero (da Roma a Seoul a Los Angeles a Città del Messico). Il suo percorso creativo personale dal 1994 ad oggi è documentato in 10 dischi a suo nome (l’ultimo, We Colonized Souls, è uscito nell’aprile di quest’anno), contenenti quasi esclusivamente sue composizioni, pubblicati da etichette italiane e inglesi e distribuiti internazionalmente.

Dopo essersi diplomato in Pianoforte e in Composizione jazz, Paolo Tombolesi si è dedicato anche all’uso degli strumenti elettronici. Oltre ad esibirsi e registrare dischi come solista, con il proprio trio e in progetti musicali condivisi, ha accompagnato numerosi musicisti italiani e stranieri (tra gli altri Massimo Urbani, Marcello Rosa, Mark Murphy, Alvin Batiste e Charles Davis). Nel 1999 ha partecipato ad un disco del Toni Germani Quartet (Beatin’ Beats, 2002). Attualmente è titolare della cattedra di “Tecniche di improvvisazione musicale” e coordinatore dei corsi di jazz presso il Conservatorio di Frosinone.

Percussionista e Drummercussionist, Massimo Carrano vanta una carriera pluri-decennale come side-man in formazioni prestigiose (Orchestra dei ritmi leggeri della RAI, Teresa De Sio, Lucilla Galeazzi, Francesco di Giacomo, L'Arpeggiata, Maria Pia De Vito, Concerto Köln, Shakira, Olla Vogala, Prem Joshua, Eric Daniel, Nina Pedersen, Mauro Pagani, Shizuko Noiri, per citarne alcune) e come solista, apprezzato in Italia ed all'estero. Affermato didatta ed appassionato ricercatore, ha fondato il "Metodo di Sensibilizzazione Ritmica" per il recupero e lo sviluppo dell'istinto ritmico. Ha già collaborato con Toni Germani nel gruppo rock-Jazz Toni Germani Hard Times Trio.

* * * 

TONI GERMANI - RACCOLTA DI RECENSIONI
-" Germani loves melody as do few musicians, loves it unadorned and with passion ... The effect is both laconic and luxuriant - so few notes, so much sound. ... Improvisation exists as a way to prolong melody and develop tone ...".
S. Broomer, Cadence (U.S.A.)

- "Toni Germani ha asimilado la lección universal del Jazz, encontrando en los silencios las claves sonoras, el éxtasis creativo, la cadencia y el ritmo. Su obra tiene el rigor de la belleza y la profundidad espiritual. Música para ser escuchada con el deleite de quien se sumerge en las aguas de un mar impredecible, de ocultas resonancias.". G.T. Guerra, El Universal (Colombia)
- " ... vi accorgerete di quanto i luoghi comuni della scrittura jazzistica siano lontani e tutto si trasformi, dilatandosi, in atmosfere oltre il tempo, eteree ... Toni Germani, ossia della melodia continua ed ininterrotta ...". D. Ielmini, Prealpina

- " Dotato tecnicamente, fantasioso nelle improvvisazioni ... prosegue l'esplorazione del mondo dei suoni, delle suggestioni, delle visioni coloristiche. E proseguono le sorprese, le scoperte, le conferme del talento di questo musicista che sa adornare di eleganza ogni attimo del suo percorso artistico ... piccoli gioiellini di cultura musicale dagli ampi risvolti e dalle ampissime potenzialità comunicative ...". E. Luzzi, Suono

- “Il terreno prescelto è quello di un Jazz maturo, moderno, ma consapevole di una storia che viene da lontano e che può essere vissuta senza il timore di appiattimenti o imitazioni ...”. U. Sbisà, Musica Jazz

- “Una musica di concezione molto moderna, ma nello stesso tempo innervata in una tradizione che ha assimilato le esperienze maturate sia nell'ambito del Jazz postcoltraniano sia in quello della ricerca di nuove frontiere. E la capacità evocativa delle composizioni è affidata essenzialmente a questa apprezzabile coerenza stilistica.” Salvatore G. Biamonte, Musica Jazz

- " ... è attivo sulla scena romana da anni e appartiene a questo nucleo di esploratori, dispensatori di dubbi più che di certezze. Questa sua quarta prova discografica (Degli Amori Difficili) ... è tra le più originali del panorama recente. Convivono in essa la passione per una narrazione nitida e oggettiva e quella per l'abbandono espressionista; il fascino del salto senza rete nelle libere associazioni e la cura estrema del dettaglio e della rifinitura. La musica sposta continuamente il centro della riflessione, offrendo una pluralità di spunti, che al primo ascolto possono anche disorientare."
S. Merighi, Musica Jazz

- “Scatola isn’t very far from ascolta (listen) and that’s all you have to do with this elegant set of mid-range ballads from Germani. He’s a passionate guy, whose political advocacy is never strident and all the more compelling for being cast in these arrestingly beautiful forms.
Brian Morton, Jazz Journal, January 2017.

- “All seven tracks on the album are original compositions by Italian saxophonist Toni Germani. The music is clearly subjectively expressionistic, a statement of the value – to the artist - of melody as an essential form of musical creation and narrative. So, it is a personal and idiosyncratic articulation of the musician’s inner experience, both of music and of the world around him. The album seems never to change pace: it is utterly cool, phlegmatic; everybody has all the time in the world to get to where they are going, but there’s no urgency and the mode is very down-to-earth. This brings to the album a certain grace – and the music and its playing are dispensed with considerable elegance. Definitely music to relax to.”
Reviewed by Ken Cheetham http://www.jazzviews.net/toni-germani-

- “The most melodic of the albums is delivered by alto saxist/vocalist Toni Germani and his team of Giovanni Ceccarelli/p, Mauro Gargano/b; Patrick Goraguer/dr. He writes all the material, and it’s all very attractive and accessible. He’s got a sweet and sour Campari of a tone, and uses it well as the rhythm team delivers a sleek "Cercando Parole" and nimbly bopping "Little Big Aunt."(…) Germani can be both passionate and romantic as on the rubato "Anno Che Va, Anno Che Viene," yet every piece has a luscious groove. Excellent!”
George W. Harris • October 31, 2016 http://www.jazzweekly.com

- “TONI GERMANI [as/voc] has been kicking around for a couple of decades [DDQ Records and Splasch] and now has his first release on Slam Records: SONGS IN A BOX [SLAMCD 573]. Joining him on this 10/23 &12/3/15 set of 7 originals [70:07] are Giovanni Ceccarelli [p], Mauro Gargano [b] and Patrick Goraguer [drm]. As a whole the album is dedicated to truth and freedom fighters while some of the dedications on individual compositions are interesting like to all the women named Angelica I have known of or on the one piece with vocals (sung in Italian) to all those who are destroying the planet or to all the migrants. This is a very laid back set, the leader plays in an un-rushed manner and with clearly formulated lines in a matter-of-fact style.” Robert D Rusch, Cadence, Oct 2016

 

Informazioni

Data: Mer 11 Set 2019

Orario: Alle 18:30

Organizzato da : IIC Oslo

Ingresso : Libero


Luogo:

IIC Oslo, Oscarsgt. 56

834