Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

MOVING MONUMENTS: ROME

Data:

27/10/2020


MOVING MONUMENTS: ROME

MOVING MONUMENTS: ROME

Poche sono le città che possono vantarsi di un numero così alto di monumenti universalmente rinomati quanto Roma. Sono monumenti che vanno oltre lo spazio e il tempo e figurano come comparse o protagonisti delle storie che la cultura occidentale ama raccontare di se stessa, dove il restroscena è la posizione da caput mundi che Roma ha mantenuto ormai da milenni, dall'antichità fino alla chiesa cattolica. Basti pensare al Pantheon o alla Basilica di San Pietro, alla Fontana di Trevi o Piazza di Spagna, agli archi di trionfo e ai circhi, e alle piazze, ai palazzi o alle terrazze romani. Sono strutture architettoniche che hanno avuto la loro origine a Roma e che costituiscono un'eredità che si continua a variare, anche ad Oslo, persino nell'architettura cinematografica: che Colosseum di fatto è una copia del Pantheon dimostra solo la doppia referenza a Roma quando oggi cerchiamo nuovi spazi per il mondo moderno dello spettacolo.  

Nel cinema i monumenti romani ottengono invece una risonanza più forte. Roma costituisce di rado un semplice retroscena, ma piuttosto una scenografia "parlante" perché l'immagine cittadina si fa vedere tramite strutture architettoniche emblematiche che hanno un riferimento sia alla religione, alla politica che all'arte e rubano l'attenzione dello spettatore. Gli strati di storia e l'effetto scenico dei monumenti romani rendono di per se' il film architettonico. Tra rovine, facciate, colonnate, sale e volte, le strutture non solo creano la cornice della trama, ma la reggono, come se l'architettura stessa parlasse. Il tentativo del neoreaslimo italiano di fuggire dalla monumentalizzazione sia del cinema che dell'architettura, consolida solo un setting tipicamente romano, e cioè la periferia, oppure il suburbium, nella terminologia latina. Attraverso Roma il cinema alla fine diventa essa stessa un «moving monument».

Per ulteriore informazione ed acquisto biglietti, si prega di cliccare sui link per ogni singolo film qui sotto. 

PROGRAMMA:

Martedì 27.10 ore 18:00: "Roma" (1972) di Federico Fellini. Presentazione a cura della professoressa Mari Lending

Mercoledì 28.10 ore 18:00: "The Belly of an Architect" (1987) di Peter Greenaway. Presentazione a cura del professor Tim Anstey

Giovedì 29.10 ore 19:00: "La grande bellezza" (2013) di Paolo Sorrentino. Presentazione a cura del professor Victor Plahte Tschudi

Filmserien "Moving monuments: Rome" er et samarbeid mellom Cinemateket, Arkitektur- og designhøgskolen i Oslo og IIC.

 

 

Informazioni

Data: Da Mar 27 Ott 2020 a Gio 29 Ott 2020

Organizzato da : Cinemateket; AHO

In collaborazione con : IIC Oslo

Ingresso : A pagamento


Luogo:

Cinemateket, Dronningensgt. 16, Oslo

931