Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Mostra: Roma Novissima – Oslo Chapter

RomaNovissima_head_A-DWELLING-OF-NOBLE-AND-LATIN-SENSE_WAR_300dpi

“Roma Novissima. Contemporary Directions of Architectural Design in Rome” è una mostra curata da Warehouse of Architecture and Research nel complesso architettonico del Mattatoio di Testaccio a Roma nell’autunno del 2023. Ora una versione della mostra curata per gli spazi dell’IIC sarà inaugurata in presenza dei curatori.

Benvenuti all’inaugurazione di “Roma Novissima – Oslo Chapter” giovedì 18 aprile alle ore 18.30 qui all’Istituto alla presenza di uno dei curatori, Jacopo Costanzo! La mostra sarà presentata da Victor Plahte Tschudi, professore di storia dell’architettura presso the Oslo School of Architecture and Design. 

Roma Novissima è una mostra che indaga la città di Roma in sezione, osservandone le stratigrafie e tentando al contempo di tracciare una possibile direzione. Non la scruta in posa, bensì in azione. L’atto progettuale indagato considera non solo l’esito ultimo — esecutivo — del progetto d’architettura, esclusivamente verificabile a cose fatte nell’intricato tessuto dell’Urbe, ma il suo intero svolgersi per fasi distinte, mai del tutto scindibili le une dalle altre. Una ricerca sia puntuale che ad ampio raggio, in grado di strutturarsi attraverso scritti, disegni, fotografie, collages, maquettes, appunti in divenire. Al fine di restituire in modo plausibile tale complessità, il team curatoriale di WAR – Warehouse of Architecture and Research, propone una divisione in tre ambiti di riflessione: CRONACA, OSSERVATORIO, MOSAICO. Nella prima sezione, cronaca, WAR adotta la tecnica del fotomontaggio, rielaborando la cifra estetica di una serie di interventi disseminati nella città di Roma, le cui generiche somiglianze parrebbero tradire un’implicita immagine coordinata a scala urbana, sulla scia di iniziative progettuali introdotte e provenienti da città altre. Prende forma così un’aggiornata Tavola degli Orrori, non in polemica contro un’azione progettuale attardata o poco aggiornata (obbiettivo dell’illustre precedente), ma riflettendo su di un’evidente omologazione linguistica, certamente slegata dal contesto d’azione e del tutto orfana di una credibile dimensione autoriale. Nella seconda area, osservatorio, vengono raccolte le attività tassonomiche, a tratti paranoico-compulsive, di alcune piattaforme contemporanee di ricerca attive su Roma. Il Contrafforte, con un approccio metodico, ricercatamente didascalico; H501, che prosegue la felice tradizione del disegno d’architettura in ambito romano, declinandola in chiave ipergrafica, naïve; Panteon magazine, cartaceo di approfondimento critico sul patrimonio architettonico del 900 romano, episodio peculiare nel campo dell’editoria indipendente di settore. Il terzo ambito, mosaico, compone un affresco ottimista, una quadreria di undici studi di architettura romani emergenti, under 40, distintisi per la capacità di coniugare e comunicare ricerca e progetto, su scala locale, nazionale ed internazionale: Sofia Albrigo, AUT AUT, Azzariti-Cappella, Brunelli-Ann Minciacchi, EXPAND, GICO, Grazzini-Tonazzini-Colombo, LATITUDE, SET, SUPERVOID, WAR. Oltre ad una sintetica antologia di opere progettate e realizzate dagli stessi, viene esibito, come da tradizione disciplinare, un esercizio teorico-formale site specific, un ponte sul Tevere: “un fatto di forma pura, un oggetto in piena luce” (Riccardo Morandi).

Nel titolo, nell’allestimento, nei contenuti, più in generale nelle intenzioni, emerge da Roma Novissima la volontà di riallacciare il presente discorso/dibattito in architettura a determinate vette, che negli anni Settanta-Ottanta hanno lasciato il segno all’interno della città di Roma e non solo, e che oggi dopo la recente scomparsa di maestri come Pietro Barucci, Paolo Portoghesi e Piero Sartogo, richiede un obbligato momento di riflessione.

 “I Nuovissimi non sono un movimento, un ismo, però sono sempre qualcosa di particolare” (Nanni Balestrini)

***

La mostra rimane allestita fino al 20 settembre 2024.

L’evento dell’inuagurazione della mostra è organizzato in occasione della prima Giornata Nazionale del “MADE in ITALY”.

  • Organizzato da: IIC Oslo
  • In collaborazione con: Warehouse of Architecture and Research