Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Il mio viaggio italiano. Tove Nilsen legge Natalia Ginzburg

ToveNilsen-leserGinzburg23

ebbi dicianove anni, la prima volta che andai in Italia. Fu l’inizio di cio’ che chiamo il mio viaggio italiano (liberamente tratto dal titolo Goethe diede alla sua opera che racconta il suo viaggio in Italia tra 1786 e 1787).

Fu l’inizio di un viaggio-scoperta che ha continuato per tutta la mia vita da adulta. Spesso viaggiai in treno attraverso l’Europa, dal Nord Italia fino al Sud, Sicilia inclusa. Come molti altri nutro una particolare passione per l’Italia, interessandomi per tutti i vari paesaggi, la cucina e le tradizioni culinarie, la gente, la cultura, e la letteratura. Ero convinta di essere piuttosto aggiornata sulla vita culturale italiana, ma quando un paio di anni fa mi è stato chiesto di scrivere lla prefazione alla traduzione norvegese di “Lessico familiare”, mi sono dovuta richiedere perché non avevo nemmeno sentito parlare dell’autrice. 
Che gioia conoscere la famiglia italiana d Ginzburg e tutte le storie dei bambini e e dei nipoti, dei nonni e bisnonni, zii e zie, amici e celebrità – tutti i disaccordi, le discussioni, litigi e piaceri. Leggere questo romanzo è come essere invitati at una festa dalla quale non vorresti mai partire. E nel contempo si riflette su come l’autrice sia riuscita a raccontare così affettuosamente e con tanta leggerezza e humor su un’epoca oscurata dal fascismo e nazismo. Forse dipende dalla comprensione e dalla conoscenza di Ginsburg come lei stessa lo formula, che un autore non deve mai mettere da parte il suo materiale ma anzi, deve sempre dare il meglio di se’ e condivedere le proprie conoscenze. 
E’ una comprensione che vorrei condividere. Per questo è per me naturale che il mio contributo va da libri di viaggio fino alla narrativa, con Ginzburg come l’esempio più importante. E  er en innsikt og et ønske jeg gjerne vil dele. Dermed blir det naturlig at mitt bidrag strekker seg fra reise-erfaringer og inn i litteraturen, med Ginzburg som viktigste eksempel.
Tove Nilsen, agosto 2023

Tove Nilsen è la terza scrittrice che abbiamo invitato per parlare della letteratura italiana.

La conferenza si tiene in lingua norvegese.

***

Nata a Oslo nel 1952, Tove Nilsen è considerata una delle più brillanti scrittrici norvegesi. Sensibile alle tematiche femminili e al mondo giovanile nei suoi esordi, rimane attenta osservatrice delle trasformazioni sociali del suo tempo nella decina di romanzi pubblicati. Ma è soprattutto l’esuberanza dello stile e la felicità del raccontare che le hanno valso il successo e i riconoscimenti che la critica le ha più volte attribuito. La fame dell’occhio, con cui fa la sua prima apparizione nel panorama italiano, è tra le opere più rappresentative. Ha ottenuto il Premio Riksmål 1993 e la prestigiosa nomina al Premio del Consiglio Nordico.

tovenilsen leserginzburg23

  • Organizzato da: IIC Oslo